curiosità

METODI DI CONTENIMENTO DELLA POPOLAZIONE DEI CERVI SIKA

Nel paesaggio collinare dominato dal castello di Bouzov nella regione di Olomouc (Moravia Settentrionale) prospera il cervo sika.

Scarica la scheda

origine, genetica e diffusione dei cervi bianchi.

Il mantello del cervo europeo é brunastro o tendente al rossiccio, in inverno diventa grigio-bruno.

Scarica la scheda

I PALCHI DEI CERVI

I palchi dei cervi sono formazioni ossee dal carattere unico poiché ogni anno crescono, si demineralizzano e cadono per poi ricrescere..

Scarica la scheda

La caccia al cervo e l'evoluzione delle tecniche di caccia dal XIV secolo ad oggi

I cervi hanno da sempre un posto in primo piano nella storia della caccia nelle terre ceche e, piú in generale, in Europa...

Scarica la scheda

DOVE CACCIARE IL CERVO nobile

DOVE CACCIARE IL CERVO della VIRGINIA

DOVE CACCIARE IL CERVO del sika e SIKA DYBOWSKI

Il cervo

Tipologie


Cervo nobile dell'europa centrale

descrizione

I maschi adulti raggiungono una lunghezza di 250 cm, la coda di 15 cm, l'altezza al garrese è di 150 cm ed il peso fino a 250 kg. Le femmine sono di un terzo più piccole. Una caratteristica del cervo elaphus è lo specchio anale giallastro. Il mantello estivo è prevalentemente fulvo (marrone-rossiccio chiaro), quello invernale è marrone-grigio. I cerbiatti di due-tre mesi presentano evidenti macchie. I maschi, a differenza delle femmine, hanno palchi imponenti e nella stagione degli accoppiamenti e durante l'inverno hanno anche una criniera chiara. I palchi compaiono nel corso del primo anno - verso la fine della stagione invernale - sullo stelo cresciuto nella regione frontale e sono ricoperti da uno strato di pelle ricca di vasi sanguigni detta velluto. Nel corso dell'estate il velluto si indurisce ossificandosi. a crescita dei palchi col passare degli anni. Durante il secondo anno di vita del cervo si verifica una decalcificazione della base dei palchi che al minimo urto si staccano e cadono. Tale fenomeno si ripete regolarmente ogni anno e al posto dei palchi caduti ne crescono degli altri. Con il passare degli anni le dimensioni, il peso ed in parte anche il numero delle pinte aumenta progressivamente arrivando ad una estensione che va dai 60 cm ad un massimo (in casi eccezionali) di 1,30 mt con un peso dai 4 ai 7 per arrivare – in casi eccezionali ai 10 – 15 kg. Non trova conferma scientifica la credenza popolare che lega il numero delle punte del palco del cervo maschio alla sua età che va invece calcolata valutando al dentizione.

DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA
La consistenza numerica della popolazione di cervi nobili in Repubblica ceca ha alternato nei secoli periodi di forte crescita a periodi accentuata decrescita. Il periodo dagli anni 70 ad oggi si caratterizza per una costante crescita che ha portato nel 2013 ad una popolazione che va da 24 mila a 27 mila capi con un prelievo venatorio annuale di 21-23 mila capi. La crescita si è in buona parte concentrata nelle regioni di confine ricche di foreste di latifoglie e miste accompagnate da radure e pascoli (habitat prediletto dei cervi). Si tratta in particolare delle seguenti zone: Pošumava e di Český les al confine con la Baviera, Slavkovský les nella zona tra Karlovy Vary e Mariánské Lazně verso il confine occidentale con la Germania, Doupovské Hory verso il confine settentrionale con la Germania, Krušné Hory (monti metalliferi) e Děčínska Vrchovina sul confine con la Sassonia, nella zona pedemontana dei Sudeti fino a Nízký Jeseník verso il confine con la Polonia. Da alcune di queste zone il cervo nobile si é diffuso verso l´interno della Repubblica ceca. In Moravia il cervo nobile popola i territori dei Carpazi occidentali e le pianue ricoperte di bosche della Moravia del sud. Una forte presenza del cervo nobile si registra, inoltre, nella regione di Brdska vrchovina in Boemia centrale, nelle zone di Žďárské vrchy e di Drahanské vrchovině in Vysočina.

scarica la scheda

cervo della virginia

descrizione

Il maschiio adulto ha un corpo lungo da 160 a 210 cm, altezza al garrese da 80 a 105 cm ed un peso dai 40 ai 70 kg. La femmina ha dimensioni minori con lunghezza tra 120 ed i 150 cm, altezza al garrese da 75 a 90 cm e peso da 28 a 40 kg. Una caratteristica di questo cervo é una coda lunga dai 25 ai 35 cm di colore bianco con una striscia nera nella parte superiore. La coda viene sollevata in alto in caso di pericolo quale segnale per gli altri esemplari del gruppo. Il mantello estivo degli esemplari adulti é marrone-rossiccio, quello invernale é marrone - grigiastro. Il ventre, la gola e lo specchio anle sono sempre chiari, quasi bianchi. Sono animali con un senso della vista, dell´udito e dell´olfatto molto sviluppati. Il maschio adulto ha dei grandi palchi che costituisco un ambito trofeo di caccia specie in Europa data la scarsa presenza di questo cervo sul territorio europeo. I maschi sono facilmente riconoscibili in estate e in autunno dalle loro corna ramificate, che crescono ogni anno e cadono in inverno. Solo i maschi hanno le corna ramificate, con diverse terminazioni anche molto appuntite.Liberi in natura i cervi della Virginia arrivano fino a 10 anni di etá.

DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA
Il cervo dalla coda bianca in repubblica ceca ha presenza regionale limitata ad alcune zone e segnatamente in Brdská vrchovina nella cosidetta selva boema, in una parte di Jičinskà pahorkatina nella parte nord-occidentale della RC e, infine, in alcune località isolate lungo il fiume Sazava (Posazavi) e in Moravia. La prima importazione di questo cervo sul territorio ceco risale alla seconda metà dell'800. Nel 1884 venne introdotto nella riserva recintata di Opočno e dopo tentativi falliti di allevamento venne portato nella zona di Dobřissko nel 1893 (nella riserva recintata chiamata Kralovská stolice. Secondo altre fonti gli inizi dell'allevamento del cervo della Virginia risalirebbero invece agli anni '40 dell'800. Di certo il numero di questa specie è stato più volte rafforzato dalle importazioni. Negli anni '20 del Novecento i cervi dalla coda bianca sono stati lasciati liberi dopo che la riserva Kralovská stolice é stata abbandonata.

scarica la scheda

cervo sika dybowski

descrizione

Il cervo sika ha dimensioni corporee notevolmente più piccole del cervo nobile, simili a quelle di un palancone di daino. Il mantello estivo del sika è marrone castano con delle macchie bianche non ben definite, una striscia scura sulla schiena ed un ventre grigio chiaro. Il mantello invernale è grigio scuro e le macchie sono molto deboli o addirittura non si vedono. Ha una massa corporea egualmente bilanciata tra treno anteriore e posteriore. Lo specchio anale è bianco, a volte con una piccola striscia nera verticale ed una coda più lunga del cervo nobile. La coda è scura e contrsta con il bianco dello specchio anale. L'area delle ghiandole metatarsali è di colore bianco ed il muso corto che rientra quasi in un triangolo equilatero. Lo sviluppo delle corna si arresta per lo più al livello di "sei-punte" o di "otto-punte". I primi fusti delle corna vengono fuori già nel marzo dell'anno seguente alla nascita, ma si arriva a sfregare le corna per toglierne il "velluto" solo in agosto (talvolta addirittura a metà ottobre). Maschi di parecchi anni che perdono le corna tra la metà di aprile e la fine di maggio, le sfregano tra la metà di luglio e l'inizio di settembre. Nel periodo dell'accoppiamento i sika adulti portano una splendida criniera. Il sika vive al massimo fino a 14-15 anni.

DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA
Il cervo sika dybowski é originario di Manciuria e Corea, nei tempi d'oggi viene allevato in alcune zone della Russia per le corna come materiale per la produzione di medicine. E' stato portato per la prima volta nella riserva recintata – in ceco obora - di Kluk vicino a Poděbrady sotto il nome cervo sika dybowskeho. In questa riserva ed anche nelle foreste aperte le due razze di cervo sika e cervo sika dybowski sono state intenzionalmente incrociate. Dell'allevamento del cervo sika dybovskeho si occupano le riserve di Opočno, Židlochovice, Vlkova vicino a Benešov, Červeny Hradek sulla catena montuosa delle Krusne hory, la riserva di Mštisově, la riserva di Volsky Žlab in Vysočina ed in altre riserve.

scarica la scheda

cervo sika

descrizione

Il cervo sika ha dimensioni corporee notevolmente più piccole del cervo nobile, simili a quelle di un palancone di daino. Il mantello estivo del sika è marrone castano con delle macchie bianche non ben definite, una striscia scura sulla schiena ed un ventre grigio chiaro. Il mantello invernale è grigio scuro e le macchie sono molto deboli o addirittura non si vedono. Ha una massa corporea egualmente bilanciata tra treno anteriore e posteriore. Lo specchio anale è bianco, a volte con una piccola striscia nera verticale ed una coda più lunga del cervo nobile. La coda è scura e contrsta con il bianco dello specchio anale. L'area delle ghiandole metatarsali è di colore bianco ed il muso corto che rientra quasi in un triangolo equilatero. Lo sviluppo delle corna si arresta per lo più al livello di "sei-punte" o di "otto-punte". I primi fusti delle corna vengono fuori già nel marzo dell'anno seguente alla nascita, ma si arriva a sfregare le corna per toglierne il "velluto" solo in agosto (talvolta addirittura a metà ottobre). Maschi di parecchi anni che perdono le corna tra la metà di aprile e la fine di maggio, le sfregano tra la metà di luglio e l'inizio di settembre. Nel periodo dell'accoppiamento i sika adulti portano una splendida criniera. Il sika vive al massimo fino a 14-15 anni.

DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA
Nel territorio della odierna Repubblica Ceca il cervo sika è stato introdotto alla fine del 1800 all'interno di riserve recintate per poi popolare le foreste aperte in seguito alla chiusura della riserva recintata di Manetin (nella regione di Plzen) a metà degli anni 30 del 1900. Oggi le zone di maggiore diffusione di questa specie di cervo sono la Boemia occidentale e la Moravia del Nord da dove il sika si sta espandendo nelle zone confinanti. La popolazione del cervo sika in RC è in continuo aumento (dai circa 2000 degli anni 80 ai circa 11000 esemplari stimati nel 2013) così come sono in aumento le zone dove è diffuso. Tutto questo malgrado gli intensi sforzi di contenimento mediante l'attuazione di precisi piani di abbattimento.

scarica la scheda